Dai gruppi News Territorio

Documentario sull’omo-transfobia

I/Le giovani di Roma raccolgono interviste per un progetto in collaborazione con la REFO.

12572944_10208861417280589_5413113888756421452_n

Lo scorso anno il gruppo giovani e il gruppo di catecumeni/e di Roma sono stati/e coinvolti/e dalla REFO (Rete Evangelica Fede e Omosessualità) in un laboratorio sul tema dell’omo-transfobia che li ha portati a un’attenta riflessione su questo argomento.

Considerato che il XX Congresso ha espresso interesse alla tematica di genere, all’identità e alla discriminazione, il gruppo giovani ha iniziato a raccogliere del materiale (interviste audio e video) per poter creare un documento da diffondere. Le domande scelte per l’intervista sono frutto di una selezione elaborata direttamente dai/dalle giovani che hanno deciso di portare avanti questo progetto.

Cosa vi chiediamo? Di prendere in mano telecamere, fotocamere, telefonini, tablet (o qualsiasi cosa possa riprendere e/o registrare la voce) e intervistare voi stessi o membri delle vostre chiese – possibilmente entro il 30 giugno – facendo le seguenti domande:

1. Che cosa è e cosa ne pensi/a dell’omosessualità?
2. Cosa significa essere transessuale?
3. Cosa è l’omofobia? E la transfobia?
4. Come reagiresti/reagirebbe o ha/i reagito al coming out di un* amic* o parente?
5. Da cosa riconosci una persona omosessuale/transessuale?
6. Omosessuali si nasce o si diventa?
7. Quanti generi esistono? Potresti/potrebbe elencarli?
8. Sono tutti uguali agli occhi occhi di Dio? E di fronte la legge?
9. Perchè l’omosessualità è ritenuta peccato?
10. È possibile che in questo giudizio negativo ci sia una forte base culturale e non c’entri nulla la fede?
11. Ultimamente si parla molto di omosessualità e transessualità, pensi che gli stereotipi o la paura di queste “diversità” stia migliorando?

E non dimenticatevi, nel caso delle interviste video, di firmare e far firmare la liberatoria che trovate QUI. Per informazioni su spedizione materiale: segreteria.fgei@gmail.com.

Per la redazione web: Stefano “Kwaku” Bertuzzi